Greenin’People e la societa’ moderna a confronto – intervista a Matteo Plevano (Presidente Green Jobs Italia)

 

images

Read this post in english

 

green-jobs

 

In un’era sempre piu’ caratterizzata da eccessi e sprechi il tema dell’ecologia  negli ultimi decenni ha preso sempre piu’ piede e interessato molteplici  categorie  della nostra societa’.

Questo e’ un dato di fatto,  sebbene sia meglio precisare che, oltre allo spreco inteso come danno per cio’ che ci circonda, tale concetto deve essere  argomentato ed esteso  a cio’ che riguarda direttamente la singola persona; in una parola “NOI“.

Le energie che  dedichiamo al nostro lavoro o alla nostra  professione, o semplicemente le stesse utilizzate  durante le consuete attivita’ di vita hanno fatto si che la gente tendesse a non utilizzare piu’ fattori chiave per la nostra realizzazione personale: uno dei fattori che e’, per cosi’ dire, entrato in crisi e’ la  creativita’ dell’individuo.

Questa mancanza  causa stress, rabbia, e molti altri sentimenti che non ci giovano affatto: insomma il fattore psicologico sta influenzando praticamente tutta la nostra esistenza.

Dalla necessita’ di colmare questo bisogno nasce la Green Economy.

In Italia sono nate molte  associazioni che se ne occupano ma fa sempre piacere sapere che nascano realta’ formate da giovani intenti a divulgarne la conoscenza come  Greenin’People e  connessi al portale  Green Jobs.

 

 

 

Al fine di approfondirne la questione riporto qui di seguito l’intervista che mi ha gentilmente concesso  il presidente di Green Jobs Italia, Matteo Plevano.

matteo plevano

– – – – – – – – – – – – – – – – >

–  Quando come nasce l’idea  Green Jobs ? Quali i requisiti per entrare a far parte del portale ?

– MP: 

“L’idea di Greenjobs.it è nata all’inizio del 2009 per consentire alle persone in cerca di lavoro di trovare offerte caratterizzate da un valore preciso, ossia l’impatto sociale e ambientale della propria attività professionale. L’idea di base è quella di dare uno strumento utile ad una nuova forma di economia, che contempli sempre di più il proprio impatto sul contesto circostante. In questo senso il lavoro è un tema centrale, per questo lavorare in una direzione positiva e condivisa è un elemento di straordinaria forza per la persona e per l’azienda di riferimento, e diviene a livello sociale motore del cambiamento.

Da quest’anno non siamo solo online ma è stato attivato lo Sportello Green Jobs con Città dei Mestieri di Milano, in cui ci occupiamo di orientamento e informazioni per lavorare nella green economy.

SportelloGreen

L’accesso a Greenjobs è destinato a tutte le aziende che mettono in atto la ‘riconversione green’, ovvero che si riconvertono a sistemi di produzione, processi, prodotti e servizi sostenibili ambientalmente. Inoltre è aperto a tutte le organizzazioni no profit, proprio per la finalità sociale”.

 

 

–  Ricerca componente psicologica legata alla green economy.

Sulla vostra pagina FB uno dei 10 motivi per cui e’ importante la green economy e’ descritto come un Accelleratore Motivazionale.

Puo’ spiegarci meglio qst concetto.

– MP: 

“La green economy è la grande rivoluzione industriale che attraversa l’attuale periodo storico e che probabilmente durerà ancora per molti anni.

Come ogni grande cambiamento economico e sociale rappresenta una visione di futuro a livello di intera società; per questo può rappresentare il motore che muove e veicola le energie in una direzione precisa, consentendo alla società di evolvere verso uno stadio superiore”.

 

 

– In un post ha esternato il tuo malcontento quando ha interloquito con chi nonostante l’interesse per il progetto cercava di stanare eventuali burattinai tiranti le fila di questa associazione. La sua risposta ha denotato la sua amarezza nel discutere con tali persone e il piu’ del suo scontento derivava dal fatto che l ‘eta’ media di costoro fosse tra i 20 e i 30 anni.

Avviare un progetto come il vostro e’ cosi” difficoltoso in Italia ? Siamo Avanti o Indietro rispetto ad altri paesi ? E’ piu conveninete puntare all’estero ?

– MP:

“Avviare un progetto come il nostro è molto difficoltoso. Cito come esempio il tentativo, tutt’ora in corso, di esportare il modello dello Sportello Green Jobs in altre città.

Riscontriamo difficoltà per una serie di ragioni: le principali sono l’immobilismo del sistema di fronte al nuovo e in buona parte a proposte fatte da giovani, senza appunto nessuno alle spalle. Ciò che manca nel sistema consolidato, generalmente, è l’entusiasmo tipico di chi è vitale, di chi fa le cose per entusiasmo, perchè ci crede e ha voglia di concludere un bel progetto semplicemnte perchè è utile e interessante o perchè lo si vuole fare.

La risposta tipica che riceviamo circa il nostro progetto (e mi riferisco allo Sportello Green Jobs) è che si tratta di una proposta molto interessante, innovativa, e tutti si dicono interessati a promuoverlo nel proprio territorio di riferimento. Purtroppo nella quasi totalità dei casi il progetto non va in porto per la lentezza, la non fattività o più semplicemente senza una vera ragione, che è ancora più desolante.

Sulla differenza con altri Paesi non mi posso esprimere in quanto non ho termini di paragone, dato che stiamo sviluppando il progetto in Italia, per il momento”.

 

 

 

– Vi si sono stati dedicati degli articoli su giornali importanti; per citarne uno “Il sole 24 ore” e inoltre avete partecipato a molte esposizioni come IoLavoro , il Festival dell’Economia di Trento, ma anche Fa’ la cosa giusta nel 2013.

526860_139545259555966_2068591785_n

 

Le vostre impressioni. Quali i riscontri da parte della gente ?

– MP:

“In ogni occasione l’interesse al tema e al nostro servizio è stata molto alta. La domanda di orientamento e informazioni per lavorare in modo coerente con i propri valori è considerevole, così come la necessità di avere un supporto concreto per muoversi in tale ricerca di lavoro.

Il riscontro da parte degli utenti è stato spesso molto positivo e abbiamo realmente visto ‘accendersi’ persone magari demoralizzate e rassegnate alla mancanza di opportunità”.

 

 

-L’italia cosi come buona parte dell’europa e’ in un periodo difficile a causa della crisi che ha colpito i piu svariati settori.

La green economy ne ha risentito o puo’ essere un punto di partenza importante per il futuro a discapito di altri settori che il naturale corso dell’economia reale ne ha ormai etichettati come obsoleti o per lo meno dannosi ad un vera occupazione?(pensiamo al mercato dell’auto, al petrolio, ecc…)

– MP:

“La situazione del mercato del lavoro è molto grave in generale. La green economy, intesa come riconversione in chiave sostenibile dell’attuale sistema produttivo, rappresenta una delle poche aree di sviluppo economico e di conseguenza occupazionale. Detto questo in un contesto fortemente compromesso riesce a tamponare in parte le difficoltà del sistema”.

 

 

– Siete un team giovane con un’eta’ media intorno ai 28/30 anni.

Utilizzate i piu innovativi strumenti del web per la vostra promozione e pubblicita’..(e mail marketing – Social media) e questo crea grande interesse per chi come WeWebbers opera nell’ambito.

A proposito di Reti e Network. Avete mai pensato di integrare il tutto con collaborazioni embedded con chi opera nel vostro stesso settore o simile con lo scopo di ampliare maggiormente il vostro raggio di azione ?

– MP:

“Abbiamo avviato alcune partnership strategiche con operatori del settore, principalmente per dare maggiore visibilità al portale, contiamo nel tempo di proseguire su questa strada. Il ruolo dei social media ormai è inprescindibile per un’attività come la nostra. Siamo presenti su numerosi social e comunichiamo costantemente con i nostri utenti”.

 

 

– Quali i vostri progetti per il futuro ?

– MP:

” Il nostro progetto prioritario in questo momento è la diffusione del modello dello Sportello Green Jobs in altre città o regioni italiane. Non escludiamo anche l’esplorazione dell’estero.

Il modello che abbiamo messo a punto per questo progetto rappresenta un’innovazione nei servizi per il lavoro su molteplici aspetti: non solo perchè è relativo alla green economy, quindi a un settore innovativo e che offre maggiori opportunità; si tratta di un vero e proprio acceleratore motivazionale, per consentire alle persone di attivarsi e cogliere a pieno le opportunità offerte dalla riconversione ‘verde’ dell’economia e della società”.

 

1384127_208872252623266_1604091365_n

Annunci

Pubblicato il 29 luglio 2014, in Argomenti, Business, Home, Web con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

  1. With large focus being placed on environmental issues
    in recent years, environmentalists are constantly finding new ways
    to reduce the levels of water being used in such areas
    as the garden. You must decide where you want to install artificial grass.
    When used in stadiums and for sports fields, artificial turf is ideal, because the players are
    less likely to get injured due to the fact that the surface is even and consistent all over.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: