Archivi Blog

Sportello Green Jobs al Salone dello Studente di Monza

Il blog di Greenjobs.it

Salone-dello-Studente

ll Salone dello Studente ritorna a Monza per la sua venticinquesima edizione. Appuntamento martedì 24 e mercoledì 25 febbraio nella cornice dell’Autodromo Nazionale alla scoperta del mondo della formazione e universitario dopo le superiori. Ad aprire l’evento ci sarà, nella sala Regione Lombardia alle 10 la tradizionale cerimonia d’apertura“Nel cantiere del futuro: il valore di una giusta scelta” con invitati Roberto Maroni, presidente Regione Lombardia, Gigi Ponti, presidente Provincia Monza e Brianza, Roberto Scanagatti, sindaco di Monza,Delia Campanelli, direttore Ufficio Scolastico Regione Lombardia, Francesco Ferri, direttore Autodromo di Monza e vicepresidente Confindustria Giovani, Gianluca Vago, Rettore Università degli Studi di Milano, Cristina Messa, Rettore Università degli Studi di Milano Bicocca, Matteo Plevano, ideatore e gestore dello Sportello Green Jobs. (tratto da ‘Il Cittadino di Monza e Brianza’)

Durante i due giorni sarà presente lo stand dello Sportello Green Jobs dove poter chiedere informazioni e incontrare lo staff di Greenjobs.it.

http://www.salonedellostudente.it

View original post

Greenin’People e la societa’ moderna a confronto – intervista a Matteo Plevano (Presidente Green Jobs Italia)

 

images

Read this post in english

 

green-jobs

 

In un’era sempre piu’ caratterizzata da eccessi e sprechi il tema dell’ecologia  negli ultimi decenni ha preso sempre piu’ piede e interessato molteplici  categorie  della nostra societa’.

Questo e’ un dato di fatto,  sebbene sia meglio precisare che, oltre allo spreco inteso come danno per cio’ che ci circonda, tale concetto deve essere  argomentato ed esteso  a cio’ che riguarda direttamente la singola persona; in una parola “NOI“.

Le energie che  dedichiamo al nostro lavoro o alla nostra  professione, o semplicemente le stesse utilizzate  durante le consuete attivita’ di vita hanno fatto si che la gente tendesse a non utilizzare piu’ fattori chiave per la nostra realizzazione personale: uno dei fattori che e’, per cosi’ dire, entrato in crisi e’ la  creativita’ dell’individuo.

Questa mancanza  causa stress, rabbia, e molti altri sentimenti che non ci giovano affatto: insomma il fattore psicologico sta influenzando praticamente tutta la nostra esistenza.

Dalla necessita’ di colmare questo bisogno nasce la Green Economy.

In Italia sono nate molte  associazioni che se ne occupano ma fa sempre piacere sapere che nascano realta’ formate da giovani intenti a divulgarne la conoscenza come  Greenin’People e  connessi al portale  Green Jobs.

 

 

 

Al fine di approfondirne la questione riporto qui di seguito l’intervista che mi ha gentilmente concesso  il presidente di Green Jobs Italia, Matteo Plevano.

matteo plevano

– – – – – – – – – – – – – – – – >

–  Quando come nasce l’idea  Green Jobs ? Quali i requisiti per entrare a far parte del portale ?

– MP: 

“L’idea di Greenjobs.it è nata all’inizio del 2009 per consentire alle persone in cerca di lavoro di trovare offerte caratterizzate da un valore preciso, ossia l’impatto sociale e ambientale della propria attività professionale. L’idea di base è quella di dare uno strumento utile ad una nuova forma di economia, che contempli sempre di più il proprio impatto sul contesto circostante. In questo senso il lavoro è un tema centrale, per questo lavorare in una direzione positiva e condivisa è un elemento di straordinaria forza per la persona e per l’azienda di riferimento, e diviene a livello sociale motore del cambiamento.

Da quest’anno non siamo solo online ma è stato attivato lo Sportello Green Jobs con Città dei Mestieri di Milano, in cui ci occupiamo di orientamento e informazioni per lavorare nella green economy.

SportelloGreen

L’accesso a Greenjobs è destinato a tutte le aziende che mettono in atto la ‘riconversione green’, ovvero che si riconvertono a sistemi di produzione, processi, prodotti e servizi sostenibili ambientalmente. Inoltre è aperto a tutte le organizzazioni no profit, proprio per la finalità sociale”.

 

 

–  Ricerca componente psicologica legata alla green economy.

Sulla vostra pagina FB uno dei 10 motivi per cui e’ importante la green economy e’ descritto come un Accelleratore Motivazionale.

Puo’ spiegarci meglio qst concetto.

– MP: 

“La green economy è la grande rivoluzione industriale che attraversa l’attuale periodo storico e che probabilmente durerà ancora per molti anni.

Come ogni grande cambiamento economico e sociale rappresenta una visione di futuro a livello di intera società; per questo può rappresentare il motore che muove e veicola le energie in una direzione precisa, consentendo alla società di evolvere verso uno stadio superiore”.

 

 

– In un post ha esternato il tuo malcontento quando ha interloquito con chi nonostante l’interesse per il progetto cercava di stanare eventuali burattinai tiranti le fila di questa associazione. La sua risposta ha denotato la sua amarezza nel discutere con tali persone e il piu’ del suo scontento derivava dal fatto che l ‘eta’ media di costoro fosse tra i 20 e i 30 anni.

Avviare un progetto come il vostro e’ cosi” difficoltoso in Italia ? Siamo Avanti o Indietro rispetto ad altri paesi ? E’ piu conveninete puntare all’estero ?

– MP:

“Avviare un progetto come il nostro è molto difficoltoso. Cito come esempio il tentativo, tutt’ora in corso, di esportare il modello dello Sportello Green Jobs in altre città.

Riscontriamo difficoltà per una serie di ragioni: le principali sono l’immobilismo del sistema di fronte al nuovo e in buona parte a proposte fatte da giovani, senza appunto nessuno alle spalle. Ciò che manca nel sistema consolidato, generalmente, è l’entusiasmo tipico di chi è vitale, di chi fa le cose per entusiasmo, perchè ci crede e ha voglia di concludere un bel progetto semplicemnte perchè è utile e interessante o perchè lo si vuole fare.

La risposta tipica che riceviamo circa il nostro progetto (e mi riferisco allo Sportello Green Jobs) è che si tratta di una proposta molto interessante, innovativa, e tutti si dicono interessati a promuoverlo nel proprio territorio di riferimento. Purtroppo nella quasi totalità dei casi il progetto non va in porto per la lentezza, la non fattività o più semplicemente senza una vera ragione, che è ancora più desolante.

Sulla differenza con altri Paesi non mi posso esprimere in quanto non ho termini di paragone, dato che stiamo sviluppando il progetto in Italia, per il momento”.

 

 

 

– Vi si sono stati dedicati degli articoli su giornali importanti; per citarne uno “Il sole 24 ore” e inoltre avete partecipato a molte esposizioni come IoLavoro , il Festival dell’Economia di Trento, ma anche Fa’ la cosa giusta nel 2013.

526860_139545259555966_2068591785_n

 

Le vostre impressioni. Quali i riscontri da parte della gente ?

– MP:

“In ogni occasione l’interesse al tema e al nostro servizio è stata molto alta. La domanda di orientamento e informazioni per lavorare in modo coerente con i propri valori è considerevole, così come la necessità di avere un supporto concreto per muoversi in tale ricerca di lavoro.

Il riscontro da parte degli utenti è stato spesso molto positivo e abbiamo realmente visto ‘accendersi’ persone magari demoralizzate e rassegnate alla mancanza di opportunità”.

 

 

-L’italia cosi come buona parte dell’europa e’ in un periodo difficile a causa della crisi che ha colpito i piu svariati settori.

La green economy ne ha risentito o puo’ essere un punto di partenza importante per il futuro a discapito di altri settori che il naturale corso dell’economia reale ne ha ormai etichettati come obsoleti o per lo meno dannosi ad un vera occupazione?(pensiamo al mercato dell’auto, al petrolio, ecc…)

– MP:

“La situazione del mercato del lavoro è molto grave in generale. La green economy, intesa come riconversione in chiave sostenibile dell’attuale sistema produttivo, rappresenta una delle poche aree di sviluppo economico e di conseguenza occupazionale. Detto questo in un contesto fortemente compromesso riesce a tamponare in parte le difficoltà del sistema”.

 

 

– Siete un team giovane con un’eta’ media intorno ai 28/30 anni.

Utilizzate i piu innovativi strumenti del web per la vostra promozione e pubblicita’..(e mail marketing – Social media) e questo crea grande interesse per chi come WeWebbers opera nell’ambito.

A proposito di Reti e Network. Avete mai pensato di integrare il tutto con collaborazioni embedded con chi opera nel vostro stesso settore o simile con lo scopo di ampliare maggiormente il vostro raggio di azione ?

– MP:

“Abbiamo avviato alcune partnership strategiche con operatori del settore, principalmente per dare maggiore visibilità al portale, contiamo nel tempo di proseguire su questa strada. Il ruolo dei social media ormai è inprescindibile per un’attività come la nostra. Siamo presenti su numerosi social e comunichiamo costantemente con i nostri utenti”.

 

 

– Quali i vostri progetti per il futuro ?

– MP:

” Il nostro progetto prioritario in questo momento è la diffusione del modello dello Sportello Green Jobs in altre città o regioni italiane. Non escludiamo anche l’esplorazione dell’estero.

Il modello che abbiamo messo a punto per questo progetto rappresenta un’innovazione nei servizi per il lavoro su molteplici aspetti: non solo perchè è relativo alla green economy, quindi a un settore innovativo e che offre maggiori opportunità; si tratta di un vero e proprio acceleratore motivazionale, per consentire alle persone di attivarsi e cogliere a pieno le opportunità offerte dalla riconversione ‘verde’ dell’economia e della società”.

 

1384127_208872252623266_1604091365_n

A comparison between Greenin’People and modern society – interview with Matteo Plevano (President Green Jobs Italy)

green-jobs

 

 

 

During this era, characterized by excesses and wastes, the theme of ecology recently has overwhelmed and  considered interesting by several classes of our society .

This is a fact, although it is better to specify that, in addition to the waste referring to the damage of our surroundings, this concept needs to be argued and completed by concerning the sole individual; in a word  “US”.

The energy that we put into our work or our profession, or just the same ones used during the common activities of our lives have meant that people tend nolonger  to use the “key factors” for our personal fulfillment: one of the factors that is suffering this lack is  the “individual creativity “.

This lack causes stress, anger, and many other feelings that don’t bring us positivity at all: in few words, the psychological factor is influencing virtually all of our existence.

The necessity to satisfy this needs arises the Green Economy.

In Italy there were born many associations dealing with it but it’s always nice to get ackonwledge about many realities  ‘formed by young aims to spread knowledge  like Greenin’People that is connected to the portal  Green Jobs.

 

In order to master this topic I set out below the interview with  the President of Green Jobs Italy, Matteo Plevano who has kindly granted me.

 

matteo plevano

 

– – – – – – – – – – – – – – – – >

 

– When and How did the idea of Green Job start up? Which are the requirements to join the portal ?

– MP: 

“The Idea of Green Job started up in early 2009 in order to allow people looking for work to seek deals caratherized by a strict value, that is the social and environmental impact of their own professional activity.

The basic purpose is to providing an useful tool to a new economy concept, which is able to cover increasingly its impact on the surrounding context.

Work is the main topic in that sense, hence working by following an agreed and positive way is a extraordinarily strong factor for the sole person and for his related enterprise, and that becomes the engine of change for the whole society.

From this year not only we operate online but also we deal with guidance and provide information for working in the green economy by Green Jobs Desk, that was activated with Città dei Mestieri of Milan (City of the Crafts of Milan).

SportelloGreen

Access to the Green Jobs is intended for all companies that act the ‘green conversion’, or that re-convert to environmentally sustainable production systems, processes, products and services. It is also open to all nonprofit organizations, because of the social purpose”.

 

 

– “Quest of the psychological component related to the green economy”.

On your Facerbook page one of the top 10 reasons why the green economy’ is important is meant as a Motivational Accelerator.

Can you better explain this concept?

– MP:

The green economy is the great industrial revolution that is getting throughout the current period of history and that will probably last for many years. Like every great economic and social change is a vision of the future referring to the society as a whole; for this reason it may stand for the engine that moves and carries the energy in a specific direction, allowing the company to evolve to a higher stage”.

 

 

In a post you have voiced out your displeasure when you interjected with those who was trying to dig out puppeteers any tie together the threads of your association, in spite of the interest in the project . Your reply showed off  your bitterness in discussing with these people, and the most of your discontent stemmed from the fact that the ‘age’ of media they were between 20 and 30 years.

Is starting a project like yours awkward in Italy? Is Italy advanced or backward relative to other countries? Is  considering about getting  abroad more convenient at this stage?

– MP:

Starting up a project like ours is very difficult. I Cite as an istance the attempt, still in progress, to export the model of the Green Jobs Desk in other cities.

We come across many difficulties for several reasons: the principal ones are the inaction of the system with the new and in good part to the proposals made by young, just without anyone behind. What is missing in the consolidated system, generally, is the enthusiasm of one who is living, who does things for enthusiasm, because he/she believes in it and wants to end a good project because it is just plain useful and interesting, or because he/she really wants to do it. . The typical response we receive about our project (and I mean the Green Jobs Desk) is that it is a very interesting proposal, innovative, and everyone claims they are interested in promoting it in their own territory. Unfortunately, in almost all cases, the project does not get started for the slowness, the “not facticity” or simply without a real reason, which is even much bleaker.
By talking about the difference with other countries, I can not express because I have no terms of comparison, as we are developing a project in Italy, for the moment”.

 

 

-You  ou have been devoted  by many posts on the major newspapers; for exapmle we can mention   “Il sole 24 Ore” but  you have also attended to many exhibitions as IoLavoro, the Festival of Economics in Trento, and “Fa’ la cosa giusta” in 2013 .

 

526860_139545259555966_2068591785_n

How were your feelings about?

What about the feedbacks by the people?

– MP:

During each stage the interest in the topic and our service was very high. The demand for information and orientation to work in a manner consistent with its values ​​is considerable, as the need to have a concrete support for such a move in search of work is.
The feedback from users has been very positive and we have often seen really ‘lighting up’ upset and resigned people to the lack of opportunities”.

 

– Italy as well as a large part of Europe is running  a difficult  period because of the crisis that has hit the most varied sectors.

Did The green economy suffered about or may that be an important starting point for the future at the expense of other sectors that the natural course of the real economy has now labeled as obsolete, or however detrimental to a real job? (Samples the car market, oil, etc …).

– MP:

“The situation of the employment market is very serious in general. The green economy, meant like the conversion of the current production system in a sustainable way, is one of the few areas of economic development and consequently employment. By the way our project is able to dab ome of the problems of the system throughout a strongly compromise context”.

 

 

You are a young team (average age around 28-30 years).

You use the most innovative web tools for your promotion and advertising ‘.. (e-mail marketing – Social media) and that creates great interest to those who operates within. like WeWebbers does.

Referring to this, have you ever thought of integrating it all with embedded collaboration with those working in your same industry or similar ones with the aim of further expanding your range?

– MP:

“We have launched a number of strategic partnerships with industry, mainly to give more visibility to the portal, we hope in time to continue on this path. The role of social media is now inprescindibile for a task like ours. We are present on many social and constantly communicate with our users”.

 

-What are your plans for the future?

– MP:

“At the moment our prior project is the spread of the model of the Green Jobs Booth to other Italian towns or shires. We do not exclude also the exploration abroad.
The model that we have developed for this project represents a breakthrough in the employment services of several aspects: not only because it is related to the green economy, and a new field that offers more opportunities; it is a real motivational accelerator, to enable people to take action and seize the opportunities offered by a full “green”conversion of the economy and society”.

 

1384127_208872252623266_1604091365_n

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: